In Svezia vi è l’allergia da cellulare

Inserito in Curiosità,Elettrosmog e Salute da il 10 marzo 2010 - Google +:

cellulare_bambiniSembrerà una cosa piuttosto strana, ma in Svezia circa 250000 persone sarebbero risultate allergiche alle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari.

I sintomi comuni avvertiti sono molto vari: svenimenti, starnuti, nausea, tachicardia, problemi all’apparato respiratorio ed emicrania.

Questo problema salutare, chiamato Elettro-ipersensibilità è stato riconosciuto in Svezia come vera e propria malattia e pertanto ai malati vengono riconosciuti alcuni privilegi ed inoltre hanno la possibilità di installare nelle proprie case, a spese dei contribuenti, degli scudi metallici contro le radiazioni.

Ovviamente le polemiche e i pareri discordanti sono tante, ad esempio la US Food and Drug Admnistration, l’American Cancer Society e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritengono che tali onde siano innocue.

Il problema comunque riguarda non le radiazioni ionizzanti (quelle dei raggi x ad esempio) che sono comunque cancerogene, ma quelle non ionizzanti, ossia le onde emesse dai cellulari durante le chiamate, che non sono state riconosciute dannose dai dati scientifici emersi fino ad ora, e il cui unico effetto è il leggero surriscaldamento della parte di tessuto più prossimo.

Per questa ragione, la Federal Communications Commission ha imposto alle società produttrici di apparecchi di tenersi sotto al livello di emissioni che causerebbe questo aumento di temperatura.

Share Button

Sottoscrivi i commenti a questo articolo tramite RSS o TrackBack a 'In Svezia vi è l’allergia da cellulare'.

Lascia un Tuo Commento:

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Seguici su Google Plus
Cellularmagazine.it su Facebook Cellularmagazine.it su Twitter Cellularmagazine.it su Dailymotion.com Cellularmagazine.it su Youtube.com Iscriviti ai Feed
Social Reading


Newsletter

Se vuoi ricevere occasionalmente (massimo una al mese), le novità del sito e le offerte commerciali relative alla telefonia mobile.

Iscriviti alla newsletter